Bullz Records nasce da un’idea di Oscar White, Yazee e Roberto T.

Sentivamo da tempo l’esigenza di proporre della musica che potesse rappresentarci e dalla spinta dei nostri percorsi personali e professionali è nato il progetto Bullz.

Bullz Records non è un’azienda. E’ un team che lavora costantemente alla produzione di nuovi artisti della scena milanese, cercando di trasmettere la propria identità artistica e la propria passione attraverso i testi ed i suoni che vengono proposti al pubblico.

Riceviamo spesso degli apprezzamenti sul nostro operato dal web e dalla stampa e per questo ringraziamo voi che ci supportate!

 

STAFF:

Yazee

Yazee

YAZEE

Andrea in arte “Yazee“, classe 1984, nasce a Milano. Nel 2000 scopre la composizione musicale, iniziano a prendere vita le sue prime produzioni, la sua passione per la musica non ha limiti, complice la sua vastissima conoscenza dei più svariati generi musicali. Nel 2006 collabora per la prima volta con un etichetta indipendente “dub recordings”, con cui stampa il suo primo singolo “MAD MECHANISM” presente in “Minimal tollz”. In seguito collaborerà con altre etichette indipendenti, come “Beatwork Records” da questa collaborazione nascerà nel 2006 “THE POWER OF MUSIC“. Il 2009 sarà un anno importante, perchè pregno di incontri e collaborazioni significative; il singolo “I WISH YOU” in coppia con Gloria Iasella (in arte Alexia G.), prodotto per 989 Records riceve molti consensi dal pubblico, tanto da suscitare l’ interesse di molte radio internazionali. Usciranno in seguito “BLUE HARP” con Krone Records e “PROGRESSIVE PHILOSOPHY” con Aftermind Records. Mentre lavorava a tutti questi brani palesemente elettronici, Yazee non ha mai messo da parte la sua più grande passione: “l’hip hop” che, dal 2008 al 2009 concretizza, aprendo un vasto archivio di cooperazioni, e piazzandosi al 10 posto del celebre sito “Worldsbestproducer”. Produce Danicoma con “Non trovo le parole” presente nel mixtape “Milano Ovest”, Vitamina Meth con l’album “Welcome”. Ma L’incontro più significativo fu con “Dasly” vecchio compagno di scuola, questo incontro ha dato vita a una grande amicizia e alla successiva fusione e entrata nel collettivo RADIA COLLECTIVE, composto da: Steyn, Inkastro, Pezzo e Freddy G. Da questa fusione nasce il Progetto “Milano Sud All Stars” che vede partecipe, oltre il Collettivo, gran parte della scena rap underground milanese e non, consolidando il suo background. nel 2010 entra a far parte di una delle più significative crew italiane, Odk.

Nel 2014 collabora con 3 produzioni in Machete Mixtape Vol.III nelle tracce: ” Cruditè ” con Salmo, Nitro ed En?gma ,  ” Purple Haze ” con Clementino, Salmo, Jack The Smoker e Nitro e ” Dualcore “con Jack The Smoker in cui sono presenti anche Axos & Lanz Khan.

 

 

 

Oscar White

Oscar White

OSCAR WHITE

Oscar White, è il nome d’arte di Oscar Spennati, un milanese del “sud”, sia per le origini familiari sia, e soprattutto, perchè ha sempre vissuto la parte sud di Milano, prima la zona di Corvetto, e poi, dal 1984, a Rogoredo, estrema periferia sud est, dove con la famiglia vive in una casa di edilizia popolare assegnatagli dal Comune: le case bianche di via Feltrinelli, un blocco di appartamenti totalmente ricoperti di amianto ( illegale per la legge italiana). nato nel 1977,vive in un quartiere simile a una piccola città, destinato a cambiare faccia nel corso degli anni, tra il rampantismo degli anni ’80, la ghettizzazione, le migrazioni (soprattutto nordafricane e balcaniche) che cambiano la faccia di Rogoredo sotto lo sguardo di Oscar. Con entrambi i piedi nel quartiere, Oscar impara a conoscere le regole non scritte della “strada”, prendendo confidenza con lo spaccato di una città troppo spesso sotto gli occhi del “popolino” per casi di cronaca nera. ma lo spazio urbano, il tessuto sociale, sono invece una vera e propria palestra di vita dove Oscar comprende significanti importanti per le parole amore, odio, rispetto, famiglia. I ’90 sono, per Oscar, il momento in cui si avvicina alla cultura hip hop, nella sua versione – a cui fa riferimento tuttora – più primitiva, quella di Africa Bambataaa e della Zulù Nation. Oscar nasce quindi come breakers (della Natural Force Crew, uno dei combi più rappresentativi in città e il passo nel rap è molto corto. Oscar diventa “White” quando comprende a fondo il significato reale della vita nelle case bianche di Rogoredo: l’amianto si porta via gli amici più cari e White diventa il nome d’arte naturale per iniziare a combattere sia in quartiere, sia sui media sia con la musica. Tra mixtape e partecipazioni televisive in cui denuncia, con una naturalezza cruda e umanissima, il disastro delle case popolari, Oscar incide il suo esordio discografico ovvero il riassunto degli anni, delle lotte e degli insegnamenti vissuti e appresi nelle “White di Rogoredo”. Il disco, “24 Tocchi” è stato prodotto da Mace ed e’ uscito nel 2008 avendo avuto un riscontro fortissimo nella scena hip hop italiana. Oscar insieme al comitato degli inquilini di via feltrinelli ha vinto la causa delle white facendo avere a tutti una casa nuova e dignitosa anche a chi non aveva un contratto e viveva alle white abusivamente..la sua battaglia l’ha vinta a suon di rap e numerose manifestazioni in tutta italia. tra le apparizioni piu’ grosse spicca la partecipazione ad ANNOZERO, STRISCIA LA NOTIZIA, TERRA, LE IENE e alla festa della FIOM tenutasi a Bologna insieme a michele santoro,roberto benigni,subsonica ecc ecc… non solo le white nelle battaglie sociali,ma anche portavoce dei diritti alla casa e all’integrazione culturale. Per il 2012 esce con il suo secondo album “NEL GIOCO DI RUBIK“. Da un’idea sua e di Yazee nasce il progetto del BULLZ STUDIO,dove con l’ingresso di Roberto T danno vita ad un team di lavoro destinato a produrre rapper emergenti con attente tematiche sociali contribuendo alla produzione di dischi e videoclip.

 

 

Roberto T.

ROBERTO T

Roberto T, classe 1983 è il fonico della Bullz Records, diplomato all’Accademia del Suono di Milano come Audio Engineer ed Operatore Certificato AVID Pro Tools HD 210M.

Sviluppa fin da piccolo la passione per la musica ed il campo audio, sperimentando con i “mangianastri” le prime registrazioni e le prime “compilation” in cameretta, dall’età delle elementari. Crescendo inizia a suonare la chitarra ed il basso, militando in diverse band rock milanesi. Nel 2008 fonda gli ONdeROcK, una band orientata al live energico e coinvolgente. Calca diversi palchi e quando inizia le prime sessioni in studio di registrazione per i primi demo, rimane rapito dal mondo dell’audio professionale. Inizia il suo percorso in maniera più seria, affiancando alcuni fonici in live ed in studio. Dopo innumerevoli ore di registrazioni e mix, impegnato nei numerosi progetti di band e di solisti, si dedica alla realizzazione di un album hip-hop con Fanchistile ( 2009 / 2010 ) contribuendo alla ricerca di sonorità nuove, derivanti da contaminazioni rock e pop. Dopo alcuni anni passati tra mixer e microfoni, frequenta l’Accademia del Suono e successivamente fonda con l’Associazione Quadrivium l’ Hip Hop School, un progetto che lo vede impegnato nell’insegnamento di fondamenti audio e produzione musicale con corsi gratuiti per i ragazzi che vogliono accostarsi a questo mondo. Parallelamente cura la regia audio di alcuni spettacoli teatrali ed eventi live come fonico, collabora con fotografi e registi alle sonorizzazioni di mostre ed audiovisivi, tra cui “Fratelli di taglia” di Antonio De Luca.

“Equalizza anche il telefono e l’autoradio, è ossessionato dai suoni! Raramente lo vedrete in giro per lo studio…è sempre incollato ai suoi monitor, ai suoi cavetti e alle sue macchine…” (Cit.)